HOME

Archive for the ‘2011 S.Andrea di S.’ Category

Appuntamento a Gli Ippocastani

In Vieni a fare il porco con noi on 2 marzo 2011 at 01:16

Agriturismo Gli Ippocastani resort

Via Montesecco, 123
Loc. Madonna del Piano, Pergola (PU)
Info e prenotazioni: 338.7159462
(dove siamo)

Domenica 6 marzo 2011 – Dalle 0re 11:00

Verrà proposto, durante la mattinata, un piccolo laboratorio di norcineria e a seguire un pranzo con men? dedicato alle prime lavorazioni della “pista”. Un’occasione da non perdere per chi vuol provare ad essere “norcino per un giorno” ed assaggiare il frutto della propria fatica.

Ore 13:00 Pranzo a tema (costo € 25,00)

Affettato di salumi
Bruschetta sfiziosa
Insalata di farro

Bucatini al guanciale e pecorino
Lasagna verza e salsiccia di maiale

Secondo a scelta:
Prosciutto in agrodolce con mele
Grigliata mista di maiale

Insalata mista
Verdura saltata in padella

Dolci della casa
Caffè e Digestivo
Vino e Acqua

Tutti gli appuntamenti

Io Nino al Centro di Degustazione LA COPPA

In Vieni a fare il porco con noi on 15 febbraio 2011 at 18:46

 

Centro di Degustazione LA COPPA

Via Pavisa, 10
Mombaroccio (PU)
(dove siamo)

20 febbraio 2011
Ore 11:00

Menù del pranzo

Selezione di Affettati “Sale Pepe” della Nostra Terra
con Pecorino Stagionato e Confetture Fatte in Casa
Polenta e Salsiccia
Maccaroni al Guanciale
Grigliata mista di Nino
Insalata di Stagione e Patate arrosto
Cresciole e Castagnole
Acqua e Vino della casa compresi

Prezzo promozionale € 26,00 a persona

Info/Prenotazioni: 347.3751000 – 0721.471276
Contatti

Verrà proposto, durante la mattinata, un piccolo laboratorio di norcineria e a seguire un pranzo con men? dedicato alle prime lavorazioni della “pista”. Un’occasione da non perdere per chi vuol provare ad essere “norcino per un giorno” ed assaggiare il frutto della propria fatica.

Tutti gli appuntamenti

Miglior Coppa delle Marche

In 2011 S.Andrea di S. on 7 febbraio 2011 at 12:20

Nel corso de “La Festa del Nino” 2011 si è svolta la terza edizione del concorso “La Miglior Coppa (di testa) delle Marche”.

La giuria, composta dai delegati AIS della regione Marche e presieduta da Piergiorgio Angelini, si è riunita sabato 15 gennaio 2011 presso il teatro Apollo di Mondavio (PU) per assegnare il premio dopo aver selezionato le migliori coppe di testa prodotte nella regione. Come sempre alla coppa vincitrice sono stati abbinati diversi tra i migliori vini marchigiani (bianchi e rosè, fermi e frizzati) decretando il miglior abbinamento.

Premiazione Miglior Coppa delle Marche 2011

ALBO D’ORO

III Edizione – 2011 – Mondavio (PU)

Miglior coppa di testa
Salumificio Sergio Tomassoni di Jesi (AN)

Miglior vino in abbinamento alla coppa di testa
Vino Colli maceratesi bianco – Azienda Vinicola Villa Forano – Appignano (MC)

II Edizione – 2010 – Sant’Andrea di Suasa (PU)

Miglior coppa di testa
Salumificio Basilio Canestrari – Caminate di Fano (PU)

Miglior vino in abbinamento alla coppa di testa
Verdicchio castelli di Jesi (Classico superiore) – Azienda Vinicola Vignamato – San Paolo di Jesi (AN)

I Edizione – 2008 – Sant’Andrea di Suasa (PU)

Miglior coppa di testa
Salumificio Sandro e Stefano Gioia – Fabriano (AN)

Miglior vino in abbinamento alla coppa di testa
Vino Pergola Rosso – Azienda Vinicola Tonelli – Pergola (PU)

Appuntamento a Villa Ginevri

In Vieni a fare il porco con noi on 1 febbraio 2011 at 23:45

 Country House VILLA GINEVRI

Contrada Valdiveltrica, 14
Mondavio (PU)

06 febbraio 2011
Ore 10:30

Menù del pranzo

Affettati misti e crostini caldi
Tagliatelle al Nino
Spiedini misti, salsicce e braciole alla cacciatora
Patate fritte e insalata mista
Crostata e spiedini di frutta
Caffè

Costo € 25,00

Info/Prenotazioni 0721.1701528
Contatti

Verrà proposto, durante la mattinata, un piccolo laboratorio di norcineria e a seguire un pranzo con menù dedicato alle prime lavorazioni della “pista”. Un’occasione da non perdere per chi vuol provare ad essere “norcino per un giorno” ed assaggiare il frutto della propria fatica.

Tutti gli appuntamenti

La pista

Vieni a fare il porco dal Mago

In Vieni a fare il porco con noi on 23 gennaio 2011 at 20:07

RISTORANTE “DAL MAGO”

Via Morganti, 16
60030 Morro D’Alba (AN)
Tel. 0731.63039 – 339.5928794

DOMENICA 20 Marzo 2011
ore 11:00

!! NUOVA DATA !!

La Festa del Nino 2011 prosegue con un appuntamento domenicale presso il Ristorante DAL MAGO: verrà proposto, durante la mattinata, un piccolo laboratorio di norcineria e a seguire un pranzo con menù dedicato alle prime lavorazioni della “pista”. Un’occasione da non perdere per chi vuol provare ad essere “norcino per un giorno” ed assaggiare il frutto della propria fatica.

Menù del pranzo:

Polenta sulla spianatora “SALCICCE” e costarelle
Magro di quarto stracotto agli odori
Fagioli e patate al sugo
Torta di mele della nonna
Acqua, vino e caffè

Costo € 25,00

Tutti gli appuntamenti

IL CASO GIOACCHINO

In 2011 S.Andrea di S. on 13 gennaio 2011 at 08:20

Gioacchino era affetto da strabismo. Un raro caso di questa malformazione oculare. In genere la divaricazione, rispetto alla centratura degli occhi, avviene in orizzontale, cioè verso destra e sinistra: a Gioacchino era toccato in sorte rara lo strabismo verticale, cioè un occhio guardava fisso verso l’alto e l’altro instancabilmente verso il basso. Dapprima sentiva che i grandi dicevano “tanto col crescere gli si passa”. Altri replicavano solleciti “sarà il caso di farlo vedere da qualche specialista”.Nessun luminare si prese la responsabilità di un intervento chirurgico correttivo e Gioacchino restò con questa straordinaria fortuna di percepire contemporaneamente tutta l’impastatura della terra e tutta la mirabile cattedrale del cielo, senza che esse mai si disgiungessero. Gioacchino imparò molto presto a fare le scale, avanti e indietro, in salita e in discesa, e anche di traverso e tutti lo ammiravano per questa straordinaria forma di intelligenza motoria. In un attimo ti compariva davanti con il suo fare interrogativo, ma l’attimo successivo già si allontanava dietro alle sue inusuali visioni: nessuno si preoccupava di queste sparizioni, perché Gioacchino tornava sempre, abile e intraprendente. A dirla tutta Gioacchino aveva anche un altro problema: si sviluppava normalmente ma non parlava o meglio non articolava una frase completa o un discorso compiuto, limitandosi a usare un lessico striminzito, anche se molto efficace. La diagnosi logopedica aveva scritto “sorta di parziale mutismo elettivo in soggetto di notevolissime capacità intellettive” e poi aveva osato ipotizzare una causa riferita a qualche trauma infantile, spingendosi a prevedere un torrente comunicativo, quando di certo si sarebbe sbloccato. Permanendo questo stato di incertezza feconda tra i vincoli e le potenzialità del limite, una operatrice curiosa approfondì l’anamnesi familiare e scoprì che nella primissima infanzia Gioacchino aveva subìto una terribile privazione. Cosa gli era stato sottratto? Il contatto della bocca e della faccia con la morbida consistenza dei seni materni, l’apparizione delle loro forme, dei loro contorni e dei loro colori, l’odore del capezzolo ( o del capetello come si diceva in dialetto) che penetrava imperioso nelle narici dilatate e beate, il sapore del latte che copioso penetrava nella gola, la soddisfazione di abbattere ogni indizio di sfinimento. Cosa gli era rimasto? Un biberon di plastica, la percezione fissa del freddo e del duro, una tettarella di caucciù e una di silicone, un colore sempre opaco, un sapore sempre monotono. La sublime esattezza della diagnosi non diradava la persistente malinconia di Gioacchino, che era sempre più inquieto, che allungava i tempi dei suoi nascondimenti, che perfezionava le sue arti di preveggenza. Finchè un giorno non tornò più. I pessimisti come sempre pensarono a una disgrazia, gli ottimisti come sempre pensarono all’intenzione volontaria del gesto. Di lui si occupò vanamente anche la Commissione Governativa di Indagine Suina. Perché Gioacchino è un maiale, che da piccolo non aveva trovato la poccia! Gioacchino è vivo e lotta insieme a me (dal desktop del mio PC)!

13 gennaio 2011
Omaggio di Angelo Verdini alla Festa del Nino 2011.

Quando l’artista fa il maiale

In 2011 S.Andrea di S. on 12 gennaio 2011 at 02:17

 

Le deiezioni nella storia dell’arte occidentale, tra realismi, tabù, provocazioni, simbologie alchemiche e ossessioni scatologiche.

Alcune edizioni fa abbiamo indagato il significato del “fare il maiale” secondo l’accezione sessuale.

Ma “fare il porco” allude anche alla pratica di non curare la propria persona, lordandosi sconvenientemente, poichè il maiale pare adori crogiolarsi tra gli escrementi.  Anche all’arte capita, più spesso di quanto non si pensi, di “sguazzare” tra le deiezioni, nel senso che le feci e l’urina diventano oggetto protagonista, non allusivo, dell’atto creativo, financo a diventare, nei casi più estremi,  soggetto attuativo dell’operazione artistica.

Ma l’arte, si sa, ha il potere di trasformare tutto in oro!

Relazione del prof. Nino Finauri, storico dell’arte

FESTA DEL NINO
Sant’Andrea di Suasa
Domenica 16/01/2011 – Ore 17:00

Primo appuntamento Festa del Nino 2011

In 2011 S.Andrea di S. on 11 gennaio 2011 at 00:28

La Libreria Zazie e la Festa del Nino presentano il libro

STORIA DELL’ALIMENTAZIONE, DELLA CULTURA GASTRONOMICA, DELL’ARTE CONVIVIALE NELLE MARCHE
(Il Lavoro Editoriale, 2010)
di Ugo Bellesi, Ettore Franca, Tommaso Lucchetti

e vi invitano alla presentazione della FESTA DEL NINO 2011

GIOVEDI’ 13 GENNAIO – ore 18,00 – Libreria Zazie, Fano (PU)

“Storia dell’alimentazione della cultura gastronomica e dell’arte conviviale nelle Marche” è il titolo del pregevole volume (360 pagine, edito da Il Lavoro editoriale) che ricostruisce per la prima volta in modo completo le origini, le contaminazioni e l’evoluzione della cucina regionale. Autori sono Ugo Bellesi, Ettore Franca, Tommaso Lucchetti. L’opera sarà presentata giovedì 13 gennaio alle ore 18 presso la libreria Zazie di Fano. Interverranno gli autori.

Nell’occasione verrà illustrato anche il ricchissimo programma della nona edizione della Festa del Nino che nel week-end (14-15-16 gennaio) si terrà a Mondavio e Sant’Andrea di Suasa.

L’iniziativa editoriale è stata promossa e sostenuta dalla Regione perché il lavoro si inserisce perfettamente nella strategia di valorizzazione del territorio e delle sue eccellenze. Un libro molto interessante, che incuriosisce pagina dopo pagina e fornisce base scientifica al consolidamento delle tipicità marchigiane. Leggi il seguito di questo post »

CENA DA GALERA II

In 2011 S.Andrea di S. on 7 gennaio 2011 at 11:58

Ristorante La Palomba – Mondavio (PU)
Venerdì 14 Gennaio 2011 – Ore 20:00

Cibi e piatti “fuorilegge” cucinati e serviti solo per amanti del ”genere”. Solo su prenotazione al 0721.97105.

MENU’

PER INIZIARE

Coppa di testa
Migliaccio al formaggio
Frittatina di cervello
Crescia con grascielli

PER RIPULIRE IL PALATO

Fettine di arance

NEL BEL MEZZO

Polenta di farine gialle con coratella di maiale
Maccheron senz’ov con ragù di maiale

A SEGUIRE

Salsiccia in padella con olive nere
Fegatelli e costine alla brace
Insalata verde con finocchi

DOLCE FINALE

Cresciarelle, castagnoli, cicerchiata

A CHIUDERE

Caffé d’orzo con anisetta

Vini dalla Cantina Terracruda

Costo € 30,00

FESTA DEL NINO 2011: RITORNO ALLE ORIGINI

In 2011 S.Andrea di S. on 6 gennaio 2011 at 17:10

VIENI A FARE IL PORCO CON NOI: un invito particolarmente seducente che però, attraverso l’immagine scelta per questa edizione, crea ilarità e simpatia. Una battuta, uno scherzo e un vero gioco tra il detto e l’immaginato, una vignetta che vuole strappare un sorriso e che mutua dal Burlesque una leggerezza e un impegno al divertimento. Dal giorno dedicato a Sant’Antonio Abate, momento clou della Festa a Sant’Andrea di Suasa piccolo borgo del comune di Mondavio, inizia il carnevale e così vorremmo che in questo primo giorno l’atmosfera sia allegra e conviviale.

L’ appuntamento di domenica 16 gennaio sarà preceduto il venerdì dalla Cena da Galera II, dedicata e richiesta da coloro che cercano “i sapori forti di una volta” e dall’incontro del sabato Mazzarini per un giorno nel quale inviteremo i nostri più importanti Amministratori a raccontare davanti ad una mezzana il loro rapporto con le tradizioni.In questa nona edizione per scelta e per necessità cercheremo di tornare un po’ alle origini della festa facendo parlare l’unico protagonista: il sapore.

Il buon lavoro iniziato nel 2009 per la realizzazione della Filiera Io Nino porterà ancora di più il suo contributo permettendo di assaggiare piatti e cibi da strada preparati con carni del “suino della Marca” allevati con grande attenzione e con impegno secondo un preciso disciplinare.

Dopo la tre giorni di “festa” seguiranno altri appuntamenti domenicali presso alcuni ristoranti che proporranno, durante la mattinata, piccoli laboratori di norcineria e a seguire un pranzo con menù dedicato alle prime lavorazioni della “pista”.

Buona festa e … venite a fare il Nino con noi.